Kali Yuga e New Age

Sfatiamo un mito.
E’ qualche anno che si sostiene di essere entrati nella “Nuova Era”, che ci sia stato un ritorno alla spiritualità e alla sua diffusione.
Al di là della qualità della spiritualità in voga (stendiamo un velo…), siamo davvero certi che in questi anni la sensibilità verso la ricerca interiore sia aumentata?
Non è che internet, semplicemente, ha consentito di trovare una cerchia di persone affini, che fa sembrare che ci sia molta più gente interessata a certe tematiche?
Così come le notizie che riceviamo attraverso la rete (e-mail, notifiche), che fanno apparire gli eventi dedicati alla spiritualità così in crescita, potrebbero essere solo l’ovvia conseguenza delle nostre iscrizioni in rete, e non di un effettivo cambiamento di interesse generale!?
Andiamo a verificare!
Facciamo una prova!
Prendiamo il sito più comune, dov’è possibile vedere le visualizzazioni di un certo contenuto: YouTube.
Non voglio paragonare un video di contenuti “profondi” a, per esempio, la canzoncina di Rovazzi (che a me suscita il vomito), che fa 45.000.000 (si, quarantacinquemilioni) di visualizzazioni IN UN MESE (Dark Side of The Moon ci ha messo 8 anni per arrivare a quelle visualizzazioni), bensì voglio paragonarlo a qualcosa che appartenga ad una stretta minoranza.
Prendiamo, quindi, un fenomeno che in Italia conta solo 500.000 persone, come, ad esempio, lo Svapo (la sigaretta elettronica).
Chi svapa è l’ 1% circa della popolazione italiana, e i video su youtube dove si parla dell’argomento, dove, per esempio, qualcuno recensisce un liquido per ecig, NONOSTANTE SIANO TANTISSIMI gli youtubers a fare video del genere, ogni video conta dalle 10.000 alle 200.000 visualizzazioni a video!!! (ed è un argomento di settore!)
Ora andatevi a vedere i video dove si parla di psicologia, esoterismo, ricerca interiore, visione olistica, e così via, che sono, oltretutto, argomenti molto più vasti e che, volente o nolente, riguardano ogni essere umano.
Se va bene godono di 50 (cinquanta) visualizzazioni.
Un video di Morelli, e qua stiamo parlando di un famosissimo psicoterapeuta, che è SPESSO PRESENTE IN RADIO E TV, ed è il direttore della più famosa rivista di psicologia italiana, gode mediamente solo di 50.000 visualizzazioni.
Andate a vedere quante visualizzazioni contano i personaggi più in voga che divulgano un messaggio cosiddetto spirituale (Brizzi, Sibaldi, Lumera etc.etc.).
La casalinga annoiata che si mette a fare un video sul taglio e cucito (senza mai uscire di casa) ha più visualizzazioni!

Ma davvero pensiamo che le persone, da qualche anno a questa parte, siano più sensibili ai temi di ricerca interiore?
Quanti che si interessano a questo, che conoscete DI PERSONA e che non siano il frutto di conoscenze di rete, avete in più rispetto a 10 anni fa?

Non c’è nessuna “New Age”, amici miei, e forse è un bene, perché c’è già tanta di quella mondezza “spirituale” che gira così, figuriamoci se ci fosse davvero stato, questo “boom” di cui tanto si parla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi